Una lunga vallata incontaminata per gli appassionati di escursioni in Engadina, la Val Roseg si estende da Pontresina fino al cuore del Gruppo del Bernina

valroseg2
Val Roseg

L’ambiente naturale che ogni appassionato di escursioni e fotografia di montagna ha sempre sognato: prati verdi, boschi estesi a perdita d’occhio, cime innevate e un torrente che scorre tumultuoso: questa è la Val Roseg, una perla alpina che nasce nella periferia di Pontresina e termina nel cuore del Gruppo del Bernina, tra le cime più elevate delle Alpi Centrali. Nulla a che vedere con il traffico e la mondanità della vicina Sankt Moritz, qui a dominare è il silenzio e la natura, interrotto solamente dagli zoccoli dei cavalli che trasportani i turisti lungo la carrozzabile di fondovalle fino all’Hotel Roseg. La stessa Pontresina, sebbe sia una località di un certo livello, con numerosi hotel di lusso e una tradizione turistica piuttosto altolocata, si presenta come un tipico centro alpino d’oltrealpe, con le viuzze strette, le abitazioni ampiamente decorate e tracce di storia dell’alpinismo un po’ ovunque. Lungo la linea ferroviaria Retica, a poche decine di metri dal centro, corre il celebre Trenino Rosso del Bernina, diventato patrimonio dell’Unesco, che collega Sankt Moritz con Tirano e la Valtellina. Durante la stagione estiva, ma anche primaverile e autunnale, soprattutto per gli appassionati di fotografia, la Val Roseg è quanto di meglio si possa desiderare: una sterrata pressochè pianeggiante, lunga una decina di kilometri, che si snoda lungo la Ova da Roseg, inizialmente nel bosco per poi pian piano diventare sempre più panoramica, fino alla parte sommitale in cui di fronte agli occhi del visitatore si stagliano le ripide pareti e i ghiacciai del Roseg, una delle cime principali del Gruppo del Bernina. Se poi cercate qualcosa di più impegnativo, l’offerta non si esaurisce sicuramente qui: superato l ‘Hotel Roseg partono spettacolari itinerari escursionistici che toccano due tra i più panoramici Rifugi Alpini dei Grigioni: la Chamanna Coaz e la Chamanna Fuorcla Surlei, al oltre 2700 metri di quota. Le attrattive di Pontrestina non si limitano però a questa vallata, ma spaziano anche su altri versanti. Molto celebre il Rifugio Muottas-Muragl, punto panoramico di prim’ordine su tutta l’Engadina meridionale, e punto di partenza di celebri itinerari come il sentiero panoramico che conduce all’Alp Languard, dove si trova una foltissima colonia di stmbecchi. Da non sottovalutare anche il fatto che Pontresina si trova nel mezzo di una enorme rete di piste ciclabili, tutte perfettamente mantenute, che percorrono l’intera Engadina; senza toccare l’auto è possibile spostarsi per decine di kilometri in mezzo al verde lungo percorsi poco pendenti, visitando anche le cittadine vicine. Pensando alla stagione bianca, sicuramente l’attenzione si sposta sul Diavolezza, comprensorio sciistico d’alta quota dove si snoda la pista da discesa più lunga delle Alpi Svizzere; a pochi passi si trova poi il comprensorio del Piz Lagalb, dove si trovano alcune delle discese più tecniche ed impegnative dei Grigioni.

Collegamenti esterni:

www.pontresina.ch

Myswitzerland

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Facebook
Instagram